29 marzo 2016

Contratto di licenza di marchio: natura, prova e presunzione di onerosità

Il contratto di licenza di marchio è libero nelle forme e può essere stipulato tanto verbalmente quanto per fatti concludenti; la prova di tale negozio può essere quindi raggiunta anche a mezzo di testimoni o per presunzioni, purché idonei a manifestare un raggiunto consenso.

Il contratto di licenza di beni di proprietà industriale, ivi compreso quello di marchio, è normalmente – e salvo diversa pattuizione – un contratto oneroso a prestazioni corrispettive, nel quale, alla prestazione di una parte (la concessione da parte del licenziante dell’utilizzo del segno) corrisponde il sacrificio dell’altra (l’obbligo del licenziatario di pagamento del corrispettivo); è infatti la causa del negozio (ossia lo sfruttamento economico del segno oggetto dell’accordo) che conduce ad escluderne la gratuità, che importerebbe un arricchimento ingiustificato del licenziatario.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2kBY4h0

Carmine Di Benedetto

Laurea in Giurisprudenza (110/110 con lode) presso Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano, 2013. Exchange Student presso The George Washington University School of Law, Washington, D.C., Stati Uniti, 2012....(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code