5 Luglio 2017

Illecita prosecuzione dell’attività d’impresa di srl e individuazione delle conseguenze dannose riconducibili all’amministratore

Nel caso di prosecuzione dell’attività d’impresa a capitale perduto, laddove venga accertata l’impossibilità di ricostruire i dati contabili con l’analiticità necessaria per individuare le conseguenze dannose riconducibili al comportamento dell’amministratore, stante il lungo tempo trascorso tra la data di perdita del capitale sociale e il momento finale in cui va determinato il danno complessivamente cagionato al patrimonio sociale, è possibile ricorrere al criterio differenziale di determinazione del danno in via equitativa.

Avatar

Giovanni Battista Barillà

Professore Associato di Diritto commerciale presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche dell'Università degli Studi di Bologna, Avvocato in Bologna, è autore di articoli e monografie in materia di diritto commerciale...(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code