5 Novembre 2019

Interpretazione dello statuto di società cooperativa: la disponibilità di un “alloggio”

Per il caso in cui lo statuto di una società cooperativa edilizia disponga che il socio decade dall’assegnazione di un alloggio se egli o altri membri della sua famiglia siano proprietari di un alloggio nella città dove è posta la sede della cooperativa, è invalida la deliberazione del CdA di revoca dell’assegnazione al socio già proprietario di un immobile non abitabile e nudo proprietario di un immobile in cui vive l’usufruttuario: ai sensi dell’art. 1362 c.c., infatti, il riferimento operato dallo statuto alla disponibilità di un “alloggio” va distinto da quello a un generico “immobile residenziale”, dovendosi nel primo caso valutare la possibilità effettiva per il socio, da un punto di vista giuridico e di fatto, di risiedervi e abitarvi (disponibilità che difettava nel caso di specie).

Per visualizzare la sentenza devi effetuare la login

Egidio Greco

Avvocato del Foro di Milano. Cultore della materia di "Elementi fondamentali dei rapporti di diritto privato" presso l'Università degli Studi di Pavia. Laureato in Giurisprudenza (110/110 con lode) presso Università...(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code