2 agosto 2016

Invio di lettera di diffida e danno da sospensione dell’attività: assenza di nesso di causalità

Non si ravvisa un nesso di causalità certo tra la condotta pretesamente illecita (nella specie, l’invio di una lettera di diffida) e l’evento dannoso (nella specie, le perdite derivanti dalla sospensione della distribuzione dei prodotti contestati), poiché, dopo la diffida, la parte destinataria della stessa ha compiuto una valutazione del tutto libera: considerando evidentemente i rischi della prosecuzione di una condotta potenzialmente illecita ha deciso di ottemperare alla diffida e di sospendere la commercializzazione dei prodotti contestati.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2kDC0Vd

Carmine Di Benedetto

Laurea in Giurisprudenza (110/110 con lode) presso Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano, 2013. Exchange Student presso The George Washington University School of Law, Washington, D.C., Stati Uniti, 2012....(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code