1 Aprile 2016

La concorrenza sleale per denigrazione: l’exceptio veritatis e il limite della continenza

L’exceptio veritatis non scrimina la condotta tenuta, qualora le dichiarazioni divulgate, quand’anche fossero vere, sono ingiustificatamente tese a screditare il concorrente, con effetti che eccedono l’esigenza d’informazione del pubblico e, quindi, che travalicano il necessario limite della continenza.

Il limite della continenza rileva, non solo con riguardo alla correttezza formale dell’esposizione, ma anche al profilo sostanziale consistente nel non eccedere i confini di quanto strettamente necessario per il pubblico interesse.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2ksLIHY
Avatar

Valentina Borgese

Editor – Sezione di Diritto Industriale. Dopo aver conseguito la laurea presso l'Università di Palermo (oggetto della tesi: Le reti d'impresa; relatore Prof. Rosalba Alessi), ha svolto il Tirocinio presso la...(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code