30 Gennaio 2019

La ripartizione degli oneri probatori in caso di risoluzione del contratto di cessione di azienda e di azione revocatoria

In forza della disciplina della ripartizione degli oneri probatori spetta al debitore convenuto per la risoluzione o l’adempimento del contratto provare il fatto estintivo, modificativo o impeditivo del diritto una volta che il creditore agente abbia fornito la prova della fonte negoziale o legale del suo diritto e, se previsto, del termine di scadenza, costituita, nella fattispecie dal contratto di cessione di azienda.

Il principio della non contestazione non è applicabile nei confronti della parte non costituita in giudizio e dunque in tale caso detto principio non vale a sanare il difetto di prova.

Nell’ambito dell’azione revocatoria l’elemento psicologico, ex art. 2901, comma 1, n. 2, c.c., quale oggetto di prova a carico del soggetto che lo allega, può essere accertato anche mediante il ricorso a presunzioni.

Avatar

Alice Garlisi

Laureata presso l'Università degli Studi di Milano nel 2016, con una tesi in diritto della proprietà intellettuale. Praticante avvocato presso il foro di Milano. Si occupa di proprietà intellettuale.(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code