23 Maggio 2017

L’oggetto sociale inconferènte può essere un elemento di prova della decadenza per non uso del marchio

Sono elementi idonei a provare il non uso quinquennale, e dunque la decadenza del marchio ai sensi dell’art. 24 c.p.i., la dimostrazione dell’inconferenza dell’oggetto sociale dell’impresa titolare del marchio con i prodotti e servizi che il marchio è chiamato a contraddistinguere e l’assenza presso il registro UIBM di atti di valorizzazione del marchio, quale ad esempio la concessione in licenza d’uso a terzi.

E’ invalido per carenza di novità ai sensi dell’art. 12 c.p.i. il marchio che risulti identico o simile ad un marchio anteriore afferente prodotti identici o affini e sia così idoneo ad ingenerare confusione nel pubblico.

Vi è affinità tra i prodotti delle classi 8 e 21 – relative rispettivamente ad articoli di coltelleria, forchette e cucchiai ed agli utensili e recipienti per il governo della casa e cucina – e quelli della classe 7 relativa agli utensili per il governo della casa e cucina e agli apparecchi per la conservazione sottovuoto, poiché facenti parte di settori economici interdipendenti, attinenti alla medesima clientela e tutti riferibili al contesto della cucina.

Per visualizzare la sentenza devi effetuare la login

Massimo Bacci

Avvocato

Avvocato iscritto al foro di Prato. Laureato con Lode in Giurisprudenza presso l'Università di Firenze; LLM in Intellectual Property; Master in Diritto Privato Europeo e della Cooperazione Internazionale; Corso...(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code