25 novembre 2015

Mancata prova della simulazione di contratto di cessione di quota pregiudizievole per i creditori dell’alienante

In presenza della prova del pagamento del prezzo convenuto nell’atto di compravendita, la cessione non può ritenersi simulata né invalida, trattandosi tutt’al più di atto in frode ai creditori dell’alienante per il quale il rimedio apprestato dall’ordinamento non è la sanzione dell’assoluta invalidità e inefficacia erga omnes, bensì – sussistendone i presupposti – l’inefficacia relativa ex. artt. 2901 ss. c.c. (nella specie il creditore dell’unico socio di una società impugnava per simulazione l’atto di cessione delle partecipazioni in altra società a un terzo cessionario).

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2krydIz
oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code