CERCA UNA SENTENZA

Trova le sentenze con una ricerca libera o per argomento suggerito:

ricerca
avanzata

(altri criteri di ricerca)

Articolo:

trova le sentenze che si riferiscono ad un particolare articolo del codice:

Data:

trova le sentenze pubblicate ufficialmente in una data specifica o in un periodo:

da a

Ente giudicante e luogo:
Registro e codice:

n° progressivo

anno

16 novembre 2016

Conflitto di interessi, azione sociale di responsabilità e risarcimento del danno, compensi degli amministratori, responsabilità dell’amministratore di diritto per le condotte tenute dall’amministratore di fatto

La fattispecie di conflitto di interessi, che è causa di annullamento del contratto concluso dal rappresentante legale della società, ricorre nell’ipotesi in cui tale soggetto persegua interessi alieni (personali o di terzi) inconciliabili con quelli dell’ente rappresentato, in guisa che all’utilità conseguita o conseguibile dal rappresentante (per sé medesimo o per il terzo), segua o possa seguire danno alla società rappresentata. Detta conflittualità deve essere accertata, in concreto, sulla base di una comprovata relazione antagonistica di incompatibilità degli interessi di cui siano portatori – rispettivamente – la società e il suo rappresentante legale, non essendo a tal fine sufficiente l’eventuale coincidenza – nella stessa persona – dei ruoli di amministratore delle contrapposte parti contrattuali.

La legittimazione attiva, ai sensi dell’art. 2475-ter c.c., con riguardo all’annullamento dei contratti conclusi in conflitto di interessi, spetta – esclusivamente – alla società il cui rappresentante legale abbia agito in costanza di tale conflittualità. Solo rispetto ad essa, infatti, è ricostruibile detto conflitto; dovendosi pertanto escludere la legittimazione ad agire in capo al singolo socio, al quale deve, però, riconoscersi legittimazione (rispetto a tal genere di vicende, quando dannose per la società) a proporre l’azione di responsabilità nei confronti dell’amministratore, ex art. 2476 c.c..

La legittimazione attiva rispetto all’azione sociale di responsabilità, ai sensi dell’art. 2476, comma terzo, c.c., spetta a ciascun socio, indipendentemente dalla misura della sua partecipazione al capitale sociale e senza la necessità di una previa deliberazione assembleare. Detta titolarità, però, sta a significare solo che il socio di S.r.l. è legittimato all’esercizio della suddetta azione nell’interesse della società; a ciò, quindi, non consegue anche la titolarità del diritto al risarcimento del danno sofferto della società, la quale spetta esclusivamente a quest’ultima.

Ai fini della risarcibilità del preteso danno, il soggetto agente, oltre ad allegare l’inadempimento dell’amministratore, degli obblighi a lui imposti dalla legge e/o dall’atto costitutivo, deve anche allegare e provare – sia pure ricorrendo a presunzioni – l’esistenza di un danno concreto, cioè del depauperamento del patrimonio sociale e la riconducibilità della lesione al fatto dell’amministratore inadempiente. In difetto di tale allegazione e di detta prova la domanda risarcitoria manca del suo oggetto. Incombe, viceversa, sugli amministratori l’onere di dimostrare l’inesistenza del danno ovvero la non imputabilità del fatto dannoso, fornendo la prova positiva, con riferimento agli addebiti contestati, circa l’osservanza dei doveri e l’adempimento degli obblighi loro imposti.

L’inadempimento da parte degli amministratori di società di capitali degli obblighi imposti dalla legge e/o dall’atto costitutivo non può essere desunto da una scelta di gestione, esse come tali, infatti, non sono sindacabili in termini di fonte di responsabilità contrattuale, in quanto sono conseguenti a decisioni di natura imprenditoriale e quindi ontologicamente connotate da rischio. Viceversa, l’inadempimento deve verificarsi avendosi riguardo al modo in cui detta scelta sia stata assunta, in altre parole è solo l’omissione, da parte dell’amministratore, delle preliminari cautele e verifiche, nonché dell’assunzione delle informazioni necessarie al compimento dell’atto gestorio, normalmente richieste per una scelta del tipo di quella adottata, che può configurare la suddetta violazione; così come è fonte di responsabilità la colpevole mancata adozione di quei provvedimenti, che per legge o per atti interni, avrebbero dovuto essere prontamente assunti a tutela della società.

In base all’art. 2389 c.c., i compensi spettanti agli amministratori sono stabiliti all’atto della nomina o dall’assemblea. In caso di mancanza della predetta determinazione l’interessato può adire l’Autorità giudiziaria per la relativa qualificazione, la quale avrà luogo, in base all’art. 2233 c.c., avendo riguardo alla qualità e quantità dell’attività svolta nell’ambito del c.d. contratto di amministrazione, non potendo, pertanto, l’amministratore in carica procedere ad una autoliquidazione del suo compenso.

L’amministratore di diritto è responsabile dei danni che terzi, ingeritisi nella gestione della società come pretesi amministratori di fatto, senza alcun controllo o ostacolo da parte dell’amministratore di diritto, abbiano causato alla società stessa. L’aver – consapevolmente e coscientemente – omesso i necessari controlli a tutela degli interessi della società, ovvero il non aver evitato il verificarsi di danni che si aveva l’obbligo, per quanto imposto dalla legge o dall’atto costitutivo, di evitare, equivale a commetterli; ciò senz’altro si verifica nel caso di omissione di interventi impeditivi nei confronti di chi si sapeva si stesse ingerendo nella gestione sociale come preteso amministratore di fatto.

 

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2n49QVe
oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code

Scopri
CHI SIAMO

Tutte le informazioni su giurisprudenzadelleimprese.it: il curatore, lo staff e il network di competenze che rendono possibile l'esistenza di questo portale.

Grazie al
PATROCINIO di:

Associazione
Disiano Preite

per lo Studio
del Diritto
delle Imprese

Seguici!

Iscriviti alla newsletter:

(trattamento dati)

oppure su:

Sostienici

Si ringrazia:

logo Marchi & Brevetti Web

Se ritieni utile il servizio

link sostienici