CERCA UNA SENTENZA

Trova le sentenze con una ricerca libera o per argomento suggerito:

ricerca
avanzata

(altri criteri di ricerca)

Articolo:

trova le sentenze che si riferiscono ad un particolare articolo del codice:

Data:

trova le sentenze pubblicate ufficialmente in una data specifica o in un periodo:

da a

Ente giudicante e luogo:
Registro e codice:

n° progressivo

anno

17 febbraio 2016

Contraffazione di modelli non registrati e concorrenza sleale parassitaria c.d. sincronica

Il gradiente richiesto dal Regolamento 6/2002/CE quanto alla novità del nuovo design rispetto alle anteriorità è modesto, concretandosi tale accertamento nella sola verifica che il disegno non sia identico ad altri, già presenti sul mercato europeo ovvero diffusi nell’ambito dei circuiti commerciali europei, spazio nel quale, secondo i migliori indirizzi, rileva l’anteriorità, essendo invece ininfluente la diffusione del design anteriore in altri ambiti geografici.

Un disegno è dotato di carattere individuale quando presenta elementi formali, non rinvenibili nelle anteriorità, che producono nell’utilizzatore informato una sensazione di dissomiglianza. Tale carattere si concreta nella c.d. differenza qualificata, non limitata a dettagli irrilevanti ed incidente sull’impressione suscitata dal modello: il presupposto esaminato è comunque assai meno pregnante rispetto a quella vera e propria potenzialità di far evolvere il gusto e di configurare una nuova estetica prescritto dalla normativa previgente (speciale ornamento).

Soltanto la sovrapponibilità dei modelli assoluta consente l’accesso ai rimedi accordati ai modelli non registrati.

L’illecito per concorrenza parassitaria normalmente non colpisce una sola condotta, ma plurime e distinte scelte imprenditoriali, le quali, nel loro complesso, rendono contra ius il comportamento complessivamente considerato del concorrente sleale. Sotto il profilo oggettivo, la contrarietà alla correttezza professionale si manifesta quindi attraverso una pluralità di condotte che integrano un illecito unitario. E’ dunque, una pluralità di atti -questi ultimi in sé considerati leciti se esaminati singolarmente- che presi nel loro insieme costituiscono attività concorrenzialmente scorretta, integrando, solo in tale guisa, lo sfruttamento del lavoro altrui. E’ proprio dunque nella reiterazione di scelte identiche a quelle del concorrente che si concreta il rimedio esaminato.

La ripetitività degli atti imitativi può manifestarsi anche simultaneamente -oltre che in successione cronologica-, palesandosi cioè in diversi episodi posti in essere contemporaneamente ma quantitativamente apprezzabili (cd. concorrenza parassitaria sincronica).

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2ceGjDz

Carmine Di Benedetto

Laurea in Giurisprudenza (110/110 con lode) presso Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano, 2013. Exchange Student presso The George Washington University School of Law, Washington, D.C., Stati Uniti, 2012....(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code

Scopri
CHI SIAMO

Tutte le informazioni su giurisprudenzadelleimprese.it: il curatore, lo staff e il network di competenze che rendono possibile l'esistenza di questo portale.

Grazie al
PATROCINIO di:

Associazione
Disiano Preite

per lo Studio
del Diritto
delle Imprese

Seguici!

Iscriviti alla newsletter:

(trattamento dati)

oppure su:

Sostienici

Si ringrazia:

logo Marchi & Brevetti Web

Se ritieni utile il servizio

link sostienici