30 ottobre 2014

Azione di responsabilità promossa dal creditore sociale nei confronti dell’ amministratore e socio di s.r.l.

La prosecuzione dell’attività di impresa nonostante la perdita del capitale sociale non vale ad integrare il reato di insolvenza fraudolenta (art. 641 c.p.) – il quale si connota per la dissimulazione dello stato di insolvenza e per la contestuale assunzione di un’obbligazione con il proposito di non adempierla – qualora la situazione patrimoniale negativa della società sia conoscibile dai creditori sociali in quanto risulta in maniera inequivocabile dal bilancio iscritto nel registro delle imprese anteriormente al sorgere del credito.

Spetta al creditore sociale che agisce in responsabilità nei confronti dell’amministratore della società debitrice per l’illegittima prosecuzione dell’attività sociale provare che al momento in cui le obbligazioni erano state assunte la società non potesse legittimamente proseguire la propria attività sociale.

Daniela Russo

Avvocato del Foro di Milano

Laureata in giurisprudenza a pieni voti presso l'Università degli Studi di Parma e abilitata all'esercizio della professione forense presso la Corte d'Appello di Milano. Vanta una preziosa esperienza in diritto...(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code