18 ottobre 2012

Procedimento ex art. 2409 e irregolarità di bilancio

Le irregolarità oggetto di denunzia ai sensi dell’art. 2409 c.c. devono essere intese nel senso di violazione di doveri che, per legge o per statuto, gravano sugli amministratori in funzione della gestione e devono comunque attenere alla legittimità della stessa, quand’anche in termini di ragionevolezza e prudenza minime esigibili, e non investire l’opportunità o la convenienza di scelte imprenditoriali ed economiche.

Le irregolarità sulla gestione possono costituire idoneo presupposto di un intervento dell’autorità giudiziaria in funzione di ripristino solo ove siano gravi, nel senso che oggettivamente attengano a comportamenti che differiscono in modo rimarchevole da quelli che gli amministratori avrebbero dovuto tenere, e possano arrecare danno alla società.

Il fondato sospetto di irregolarità, che è condizione di ammissibilità del sindacato giudiziario sulla gestione, può essere integrato da indizi obiettivi che rendano verosimili i fatti e i comportamenti oggetto della denuncia; cosicché l’ispezione potrà essere disposta per andare alla ricerca della “prova” di quegli stessi fatti, prova che il ricorrente non è tenuto a dare, e che il tribunale può acquisire d’ufficio per mezzo dello specifico mezzo istruttorio.

Benché le irregolarità informative riguardanti il bilancio di esercizio siano di regola prive del carattere di dannosità e dunque inidonee a sorreggere la denuncia ex art. 2409, tuttavia ben può il Tribunale intervenire mediante idonei provvedimenti, qualora dette irregolarità siano funzionali ad occultare una situazione patrimoniale non compatibile con la continuità aziendale e ad evitare l’adozione di quei provvedimenti richiesti dalla legge in caso di perdita del capitale sociale.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2kGDgXV
Paolo F. Mondini

Paolo F. Mondini

Fondatore e Responsabile scientifico

Fondatore e responsabile scientifico del progetto di Giurisprudenza delle Imprese, il prof. Paolo Flavio Mondini è Associato di Diritto commerciale e bancario presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza....(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code