28 luglio 2017

Rivendica di brevetto e violazione di segreti industriali

La titolarità di un brevetto comporta la sussistenza della legittimazione attiva e passiva di una parte, non assumendo un rilievo decisivo, ai sensi dell’art. 118 Cpi, il contributo apportato personalmente alle invenzioni dagli inventori.

L’esistenza di un brevetto anteriore che descrive informazioni che si afferma essere segrete esclude in radice il carattere segreto delle relative informazioni con consequente rigetto della domanda di violazione di segreti industriali.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2iaAhrn

Maria Luigia Franceschelli

Associate

Dottorato di Ricerca in Proprietà Industriale, Università degli Studi di Milano Avvocato presso Hogan Lovells Studio Legale, IP team(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code