23 Novembre 2017

Sulla perdita della capacità processuale degli organi di istituto bancario sottoposto a liquidazione coatta amministrativa

La  sottoposizione a liquidazione coatta amministrativa di una società determina la perdita della capacità (anche) processuale degli organi societari e “la temporanea improcedibilità, fino alla conclusione della fase amministrativa di accertamento dello stato passivo, della domanda azionata in sede di cognizione ordinaria prima dell’inizio della procedura concorsuale” (così, già Cass. n.1010/2004).

A sua volta, la perdita della capacità di stare in giudizio degli organi societari comporta l’interruzione del processo una volta che l’evento interruttivo sia stato dichiarato dal difensore della parte che l’ha subito (non essendo invece applicabile l’art. 43 l. fall. in quanto non espressamente richiamato dall’art. 83 TUB in materia di liquidazione coatta amministrativa di istituti bancari).

Avatar

Diletta Lenzi

Assegnista di ricerca presso l'Università degli Studi di Trento. Cultrice della materia presso l'Università degli Studi di Firenze. Già dottore di ricerca presso la Università Ca' Foscari di Venezia, dottorato in...(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code