CERCA UNA SENTENZA

Trova le sentenze con una ricerca libera o per argomento suggerito:

ricerca
avanzata

(altri criteri di ricerca)

Articolo:

trova le sentenze che si riferiscono ad un particolare articolo del codice:

Data:

trova le sentenze pubblicate ufficialmente in una data specifica o in un periodo:

da a

Ente giudicante e luogo:
Registro e codice:

n° progressivo

anno

12 febbraio 2013

Impugnazione della delibera e sospensione dei termini nel periodo feriale; conflitto di interessi nella cessione di azienda

La disapplicazione della sospensione feriale dei termini costituisce disposizione a favore del ricorrente che, assumendo una lesione dei suoi diritti intenda ottenere una tutela interinale e provvisoria nelle more del processo instaurato od instaurando: la disapplicazione ex art. 3 l.n. 742 del 1969, infatti, consente la trattazione anche in periodo feriale di quei ricorsi, trattazione che, in assenza di quella norma, sarebbe preclusa. Essa dunque è posta a garanzia della continua tutelabilità delle posizioni giuridiche minacciate la lesione imminente. Al ricorrente, quindi, è riconosciuta una facoltà (proponibilità del ricorso anche in periodo feriale), non è imposto un onere, potendo il ricorso essere posticipato
secondo valutazione riservata al ricorrente stesso.

L’interesse della società nella vendita dell’azienda è da individuare nell’ottenimento del prezzo più alto, da intendersi ovviamente tale espressione nel senso di controprestazione patrimoniale da valutarsi come la migliore possibile, alle condizioni di mercato presenti al momento della sua adozione.

Ciò posto, l’interesse personale del socio ad essere assunto dall’acquirente come dipendente, non è incompatibile nemmeno in astratto con quello della società venditrice dell’azienda ed invece i due interessi, pur in astratto contrapposti, sono componibili. E’ infatti ben possibile che, per l’acquirente, l’assunzione come dipendenti dei soci della società venditrice non costituisca un costo subito pur di concludere l’affare, ma che – come spesso accade -, al contrario, la continuità nell’utilizzo dell’opera di chi a vario titolo opera nell’azienda ceduta costituisca un elemento neutro o addirittura un prezioso asset, degno dunque di valutazione positiva e di remunerazione nell’economia complessiva dell’affare.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/1cxFHUm

Giovanni Battista Barillà

Professore Associato di Diritto commerciale presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche dell'Università degli Studi di Bologna, Avvocato in Bologna, è autore di articoli e monografie in materia di diritto commerciale...(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code

Scopri
CHI SIAMO

Tutte le informazioni su giurisprudenzadelleimprese.it: il curatore, lo staff e il network di competenze che rendono possibile l'esistenza di questo portale.

Grazie al
PATROCINIO di:

Associazione
Disiano Preite

per lo Studio
del Diritto
delle Imprese

Seguici!

Iscriviti alla newsletter:

(trattamento dati)

oppure su:

Sostienici

Si ringrazia:

logo Marchi & Brevetti Web

Se ritieni utile il servizio

link sostienici