CERCA UNA SENTENZA

Trova le sentenze con una ricerca libera o per argomento suggerito:

ricerca
avanzata

(altri criteri di ricerca)

Articolo:

trova le sentenze che si riferiscono ad un particolare articolo del codice:

Data:

trova le sentenze pubblicate ufficialmente in una data specifica o in un periodo:

da a

Ente giudicante e luogo:
Registro e codice:

n° progressivo

anno

14 marzo 2017

Inefficacia della delibera di esclusione del socio di cooperativa per nullità della comunicazione

La deliberazione di esclusione del socio di cooperativa costituisce atto unilaterale recettizio, in quanto tale inefficace fino a quando non sia stato validamente comunicato.

Quando la comunicazione dell’esclusione, per la sua genericità, non è idonea a consentire la piena esplicazione dei diritti di difesa del socio escluso ed è quindi inidonea a svolgere la funzione per la quale è legalmente prevista, essa risulta affetta da un vizio genetico che ne comporta la nullità e che si riflette a sua volta sulla delibera di esclusione, la cui efficacia dipende dalla sua idonea comunicazione al socio escluso, quale legittimato a proporre opposizione.

La comunicazione dell’esclusione del socio, quale atto negoziale unilaterale, è soggetta al disposto degli artt. 1418 co. 2 e 1346 c.c..

E’ irrilevante il fatto che il socio sia stato reso edotto dalla cooperativa, aliunde e prima dell’adozione della delibera di esclusione, di addebiti mossi nei suoi confronti. E ciò è ovvio perché, se la comunicazione è generica, il socio non può sapere né se la delibera di esclusione si fonda effettivamente sugli addebiti in precedenza mossigli o su altri, né se essa si fondi su tutti gli addebiti mossigli o solo su alcuni di essi, né se gli addebiti mossigli siano stati recepiti nella deliberazione esattamente con riferimento alle stesse vicende storiche o invece con riferimento alle stesse vicende, ma diversamente circostanziate o con riferimento alle stesse vicende ma diversamente valutate.

Nessun rilievo può essere dato alla comunicazione della delibera di esclusione avvenuta in corso di causa, posto che, nel procedimento previsto dall’art. 2533 c.c., è la comunicazione della delibera di esclusione ad essere funzionale alla proposizione dell’opposizione, e non, viceversa, l’opposizione funzionale ad ottenere la comunicazione della deliberazione.

 

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2qa4BT3
oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code

Scopri
CHI SIAMO

Tutte le informazioni su giurisprudenzadelleimprese.it: il curatore, lo staff e il network di competenze che rendono possibile l'esistenza di questo portale.

Grazie al
PATROCINIO di:

Associazione
Disiano Preite

per lo Studio
del Diritto
delle Imprese

Seguici!

Iscriviti alla newsletter:

(trattamento dati)

oppure su:

Sostienici

Si ringrazia:

logo Marchi & Brevetti Web

Se ritieni utile il servizio

link sostienici