CERCA UNA SENTENZA

Trova le sentenze con una ricerca libera o per argomento suggerito:

ricerca
avanzata

(altri criteri di ricerca)

Articolo:

trova le sentenze che si riferiscono ad un particolare articolo del codice:

Data:

trova le sentenze pubblicate ufficialmente in una data specifica o in un periodo:

da a

Ente giudicante e luogo:
Registro e codice:

n° progressivo

anno

14 ottobre 2015

Presunzione di gratuità dell’attività gestoria ed emissione di effetti cambiari da parte dell’amministratore di s.r.l. senza alcuna giustificazione contabile

L’attribuzione di poteri all’organo amministrativo è strettamente funzionale al perseguimento delle finalità sociali e lo stesso è tenuto a giustificare compiutamente (attraverso la regolare tenuta delle scritture contabili) tutte quante le operazioni poste in essere. In tal senso, l’emissione di effetti cambiari in proprio favore senza alcuna giustificazione contabile, e con la – scorretta – motivazione che la cambiale non richiederebbe alcuna giustificazione causale, non può dirsi rientrare tra gli ordinari poteri di gestione dell’amministratore unico di s.r.l.

Solo in relazione alla posizione dei sindaci risulta espressamente prevista ex lege (art 2402 c.c.) la doverosità della previsione di una retribuzione, là dove per gli amministratori di s.p.a. può certamente reputarsi principio tradizionalmente acquisito quello del carattere “presumibilmente oneroso” dell’incarico a fronte di una (fisiologica) separazione tra la posizione di socio e quella di amministratore, risultando quest’ultimo tipicamente chiamato alla cura di affari altrui, secondo prospettiva dunque non automaticamente riproponibile in tema di srl. Ove dunque lo statuto di s.r.l. in tema di spese e compensi in favore degli amministratori in carica stabilisca una precisa distinzione riconoscendo solo in materia di “spese” un automatico diritto al rimborso e invece prevedendo, in materia di compensi, soltanto che l’assemblea “può deliberare” in proposito, si deve presumere, alla luce del testo letterale dello statuto sociale, un preliminare accordo tra i soci circa lo svolgimento a titolo gratuito delle incombenze di amministrazione attiva fino ad una eventuale diversa ed esplicita delibera assembleare successiva.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/1J4LQrq

Giovanni Battista Barillà

Professore Associato di Diritto commerciale presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche dell’Università degli Studi di Bologna, Avvocato in Bologna, è autore di articoli e monografie in materia di diritto...(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code

Scopri
CHI SIAMO

Tutte le informazioni su giurisprudenzadelleimprese.it: il curatore, lo staff e il network di competenze che rendono possibile l'esistenza di questo portale.

Grazie al
PATROCINIO di:

Associazione
Disiano Preite

per lo Studio
del Diritto
delle Imprese

Seguici!

Iscriviti alla newsletter:

(trattamento dati)

oppure su:

Sostienici

Si ringrazia:

logo Marchi & Brevetti Web

Se ritieni utile il servizio

link sostienici