CERCA UNA SENTENZA

Trova le sentenze con una ricerca libera o per argomento suggerito:

ricerca
avanzata

(altri criteri di ricerca)

Articolo:

trova le sentenze che si riferiscono ad un particolare articolo del codice:

Data:

trova le sentenze pubblicate ufficialmente in una data specifica o in un periodo:

da a

Ente giudicante e luogo:
Registro e codice:

n° progressivo

anno

26 febbraio 2015

Storno di dipendenti e concorrenza sleale

Il c.d. storno di dipendenti rappresenta, in sé, una normale espressione della libertà di iniziativa economica ex art. 41 Cost. e della libera circolazione del lavoro ex art. 4 Cost.. Affinché l’attività di acquisizione di collaboratori e dipendenti integri l’ipotesi della concorrenza sleale è necessario che ecceda il normale pregiudizio che può derivare dalla perdita di prestatori di lavoro che scelgano di lavorare presso un’altra impresa. Indice dell’illiceità della condotta ex art. 2598 n.3 c.c. è, pertanto, l’obiettivo principale che l’imprenditore concorrente si propone di raggiungere attraverso lo storno di dipendenti. Non basta che tale attività sia diretta a conquistare spazio di mercato, ma è necessario che sia volta a privare del tutto l’imprenditore che subisce lo storno del suo investimento. Per individuare siffatta scorrettezza concorrenziale occorre innanzitutto considerare i mezzi utilizzati, valutando le modalità di reclutamento dei dipendenti stornati e gli effetti potenzialmente “destrutturanti” sull’altrui organizzazione aziendale. Tuttavia, anche ove non si manifestino conseguenze rilevanti sotto il profilo organizzativo, non può in ogni caso considerarsi rispondente alla clausola generale di lealtà concorrenziale la condotta di chi utilizzi le relazioni professionali dei dipendenti transitati per sottrarre all’imprenditore antagonista la clientela dagli stessi dipendenti seguita.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2bXiDUe
oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code

Scopri
CHI SIAMO

Tutte le informazioni su giurisprudenzadelleimprese.it: il curatore, lo staff e il network di competenze che rendono possibile l'esistenza di questo portale.

Grazie al
PATROCINIO di:

Associazione
Disiano Preite

per lo Studio
del Diritto
delle Imprese

Seguici!

Iscriviti alla newsletter:

(trattamento dati)

oppure su:

Sostienici

Si ringrazia:

logo Marchi & Brevetti Web

Se ritieni utile il servizio

link sostienici