CERCA UNA SENTENZA

Trova le sentenze con una ricerca libera o per argomento suggerito:

ricerca
avanzata

(altri criteri di ricerca)

Articolo:

trova le sentenze che si riferiscono ad un particolare articolo del codice:

Data:

trova le sentenze pubblicate ufficialmente in una data specifica o in un periodo:

da a

Ente giudicante e luogo:
Registro e codice:

n° progressivo

anno

22 ottobre 2015

Violazione del principio di chiarezza e durevole riduzione di valore di immobilizzazioni iscritte in bilancio

Non va accolta l’impugnativa del bilancio d’esercizio di una s.r.l. per violazione del principio di chiarezza e, in particolare, (i) per la svalutazione di alcune immobilizzazioni materiali in violazione dell’art. 2426, co. 1, n. 3, c.c., (ii) per mancata allegazione ai documenti di bilancio della perizia che dà conto della svalutazione di cui sopra e (iii) per l’irrilevanza di tale perizia se successiva alla data di riferimento del bilancio, quando: (i) il valore durevolmente inferiore dell’immobilizzazione risulti dalla mancata prosecuzione dell’attività condotta per mezzo della prima e dal corrispettivo dell’unica offerta pervenuta per l’acquisto dell’impianto; (ii) la nota integrativa e la relazione di gestione diano conto dei dati ricavabili dalla perizia redatta per stimare il valore di mercato delle immobilizzazioni e per apprezzare la congruità del corrispettivo offerto da un potenziale acquirente; (iii) l’art. 2423-bis, co. 1, n. 4, c.c., impone di «tener conto dei rischi e delle perdite di competenza dell’esercizio, anche se conosciute dopo la chiusura del conto».

In un giudizio di impugnativa di bilancio non vi è spazio per valutare l’eventuale liceità del rimborso – correttamente riportato in bilancio – di alcuni finanziamenti ai sensi degli artt. 2467, 2497-quinquies e 2497-sexies c.c., atteso che tale domanda può essere proposta in un giudizio di responsabilità degli amministratori per mala gestio.

Va respinta la domanda per risarcimento di danni che si reputano derivanti dalla mera redazione di un bilancio d’esercizio in violazione del principio di chiarezza e non, invece, dal danno patrimoniale ulteriore a quello che trova ristoro specifico in una pronuncia di annullamento.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/1puvUFg

gabriele.scaglia

Notaio con sede in Triuggio (MB) e operante in tutta la Lombardia.
Dottorando presso la Scuola di Dottorato “Impresa, lavoro e Istituzioni” dell’Università Cattolica di Milano (curriculum...(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code

Scopri
CHI SIAMO

Tutte le informazioni su giurisprudenzadelleimprese.it: il curatore, lo staff e il network di competenze che rendono possibile l'esistenza di questo portale.

Grazie al
PATROCINIO di:

Associazione
Disiano Preite

per lo Studio
del Diritto
delle Imprese

Seguici!

Iscriviti alla newsletter:

(trattamento dati)

oppure su:

Sostienici

Si ringrazia:

logo Marchi & Brevetti Web

Se ritieni utile il servizio

link sostienici