27 Giugno 2014

Assemblea in seconda convocazione e nullità derivata

E’ infondata la domanda di “nullità derivata” di una assemblea riunita in seconda convocazione, laddove parte attrice non alleghi i fatti che inficerebbero detta convocazione, atteso che non basta l’affermazione della nullità della prima convocazione, sia pure non contestata da controparte in sede processuale.

Ai fini della prova della validità della convocazione è sufficiente il rituale invio dell’avviso di convocazione, con ampio margine sui termini di legge e statuto, esattamente all’indirizzo della socia risultante dalla visura camerale in atti, secondo condotta pienamente idonea ad integrare i requisiti di legittimità della convocazione, restando invece irrilevante il suo effettivo ricevimento.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2kwnCw6
Avatar

Giovanni Battista Barillà

Professore Associato di Diritto commerciale presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche dell'Università degli Studi di Bologna, Avvocato in Bologna, è autore di articoli e monografie in materia di diritto commerciale...(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code