3 Luglio 2017

Carenza di interesse alla revoca cautelare dell’ amministratore unico di srl fallita nelle more del medesimo giudizio

La dichiarazione di fallimento, con il conseguente spossessamento dell’intero patrimonio della società fallita e la privazione di ogni potere dispositivo in capo all’amministratore unico formalmente in carica, fa venire definitivamente meno ogni interesse del socio ricorrente ad ottenere la revoca cautelare del suddetto amministratore, rimettendo nelle esclusive mani del curatore fallimentare – ai sensi dell’art. 146 l.f. e dell’art. 2394 bis c.c. – ogni futura disamina e decisione sui profili di responsabilità sollevati dal ricorrente nell’interesse della società (e, indirettamente, di se stesso).

Avatar

Daniela Russo

Avvocato del Foro di Milano

Laurea in giurisprudenza a pieni voti presso l'Università degli Studi di Parma e abilitazione all'esercizio della professione forense presso la Corte d'Appello di Milano. Tirocinio formativo presso la Sezione...(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code