23 luglio 2015

Responsabilità dell’amministratore per aver negligentemente incrementato in conflitto di interessi il credito verso un fornitore poi fallito

Deve considerarsi responsabile per violazione dei principi di prudenza e diligenza l’amministratore di una società di capitali per avere consistentemente aumentato il proprio credito verso un fornitore, senza ricevere adeguate garanzie, in un momento in cui lo stesso fornitore non riusciva a ottenere credito bancario, restando irrilevante l’eventuale conoscenza da parte della società amministrata circa il conflitto di interessi in cui si trovava l’amministratore (nella specie il Tribunale ha autorizzato il sequestro conservativo sui beni dell’amministratore responsabile).

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2kwy8DH
Paolo F. Mondini

Paolo F. Mondini

Fondatore e Responsabile scientifico

Fondatore e responsabile scientifico del progetto di Giurisprudenza delle Imprese, il prof. Paolo Flavio Mondini è Associato di Diritto commerciale e bancario presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza....(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code