Articolo:

trova le sentenze che si riferiscono ad un particolare articolo del codice:

Data:

trova le sentenze pubblicate ufficialmente in una data specifica o in un periodo:

da a

Ente giudicante e luogo:

Registro e codice:

n° progressivo

anno

hai cercato per: Matteo Tofanelli

Matteo Tofanelli

Studente Luiss al quarto anno di Giurisprudenza e tirocinante presso lo studio Visentini e Marchetti Associati. Autore presso la rivista scientifica ANVUR Diritto.it , Salvis Juribus e cultore della materia societaria, tributaria e processual civilistica.

2 Ottobre 2021

Istanza cautelare di sospensiva di delibera di società di persone e modifica del criterio di distribuzione degli utili

Deve ritenersi ammissibile in corso di causa - secondo le regole generali - l'istanza anticipatoria di sospensione degli effetti della delibera impugnata, ponendo l’art. 2378 c.c. un vincolo solo quanto alla preventiva instaurazione del giudizio di merito. L'istanza cautelare deve ritenersi ammissibile anche in relazione all'impugnativa delle delibere di società di persone. Nelle società semplici il contratto può essere modificato esclusivamente con il consenso di tutti i soci se non è convenuto diversamente ex art. 2252 c.c. Se tale deroga è prevista dallo stesso atto costitutivo, deve ritenersi legittima la delibera dei soci che deroghi al criterio ordinario di ripartizione degli utili ex art. 2263 c.c., introducendo un diverso criterio, purché rispettoso del principio dell'art. 2265 c.c. [ Continua ]
22 Settembre 2021

Diritto di libero accesso alle cooperative o solo risarcimento del danno ingiusto

L'illegittimità  dell'esclusione dalla qualità  di socio della cooperativa trova fondamento nella mancata osservanza dell'obbligo di motivazione ex art.2528 c.c. Il diritto di libero accesso alle cooperative ex art.2524 c.c è garantito salvo il caso in cui il medesimo statuto della cooperativa vada a prevedere la necessità  della sussistenza di determinati requisiti, ai fini dell'acquisizione dello status di socio. Ai fini di una richiesta risarcitoria del danno ingiusto (patrimoniale e non patrimoniale) è  necessario l'accertamento del rapporto causale intercorrente tra l'esclusione dalla qualità  di socio e il prodursi del danno ingiusto. Dunque, ove l'acquisizione dello status di socio, stante la posizione giuridicamente rilevante e riconosciuta, sia subordinata al possesso di determinati requisiti previsti dallo statuto la sua negazione non va a costituire un violazione degli articoli richiamati. [ Continua ]

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi tutti gli aggiornamenti direttamente nella tua casella di posta.

4.181 10.457.421
Sentenze online Sentenze consultate
Sentenze online

4.181

Sentenze consultate

10.457.421

Questo servizio è offerto gratuitamente,
se lo ritieni utile sostienici con una donazione